Pasquale Marino è il nuovo allenatore del…

1929064_57008434170_8056407_n Cresciuto nelle giovanili del Marsala, con cui ha giocato quattro stagioni in Serie C2, nella stagione 1984-1985 passò all’Akragas, in Serie C1. Nel 1986-1987 viene acquistato dal Siracusa, con cui ha giocato tre stagioni ottenendo nel 1988-1989 la promozione in Serie C1.

Dopo tre stagioni con la Battipagliese, nel 1992-1993 ha giocato per l’ultima volta in Serie C1, con il Potenza. La stagione successiva ha militato nel Campionato Nazionale Dilettanti con il Messina e infine ha chiuso la carriera nel 1997 dopo tre stagioni nel Catania, squadra con la quale ottenne pure una Promozione dal CND (poi Serie D), alla Serie C2 nella stagione 1994-1995. Nel 1989-1990 ha militato nella Battipagliese insieme a Massimo Mezzini, poi divenuto suo vice allenatore.

1927826_47075664170_1996_n

Appena conclusa la stagione 1996-1997 con il Catania, Marino ha iniziato ad allenare nel Campionato Nazionale Dilettanti, con il Milazzo (ricoprendo però inizialmente il doppio ruolo di allenatore e giocatore) ottenendo nel 1997-1998 un secondo posto e nel 1998-1999 un nono posto. Nel 1999-2000 è passato al Ragusa (6º posto, sempre nel C.N.D.), mentre nel 2000-2001 è stato assunto dal Paternò, con cui ha ottenuto due promozioni consecutive dalla Serie D alla Serie C1.

Nel 2002-2003 è passato al Foggia e ha ottenuto nuovamente la promozione in Serie C1. Mantenuta la categoria sempre con il Foggia nel 2003-2004 (9º posto), nel 2004-2005 è stato ingaggiato dall’Arezzo, in Serie B, venendo esonerato nel corso del girone di ritorno dopo 5 sconfitte nelle ultime 6 giornate, e sostituito da Marco Tardelli; richiamato, ha concluso la stagione al 14º posto, salvandosi all’ultima giornata. Nel 2005-2006 è tornato al Catania, questa volta da allenatore, conquistando la promozione in Serie A e l’anno successivo mantenendo la massima serie alla fine di un campionato culminato con lo scontro salvezza Catania-Chievo. Al termine della stagione è passato ad allenare l’Udinese, prendendo il posto di Alberto Malesani, riportando la squadra friulana in Europa dopo due anni di assenza.

Il 22 dicembre 2009 viene ufficializzato il suo esonero dall’incarico di allenatore dell’Udinese, e il suo posto è stato preso daGianni De Biasi[1]. Tuttavia il 21 febbraio 2010 viene richiamato alla guida tecnica della squadra[2]. La decisione della società è di tenerlo fino a fine stagione[3]; infatti, dopo aver ottenuto la salvezza matematica con l’Udinese a 2 gare dal termine, dichiara che lascerà la società friulana a fine stagione dopo 3 anni. Termina la stagione al 15º posto e il 24 maggio gli subentra Francesco Guidolin; il 1 giugno risolve consensualmente il contratto. Il 2 giugno firma un contratto annuale con il Parma[4] dal quale viene esonerato il 3 aprile 2011, con la squadra quart’ultima in classifica in seguito alla sconfitta interna per 1-2 rimediata con il Bari[5].

Il 22 dicembre 2011 viene assunto dal Genoa come allenatore della prima squadra firmando un contratto fino al 2013 al posto di Alberto Malesani. Il 2 aprile 2012, dopo la sconfitta per 5-4 in casa dell’Inter, viene esonerato dopo aver ottenuto, in 14 gare, 3 vittorie, 4 pareggi e 7 sconfitte, con la squadra quint’ultima in classifica che non vinceva da 2 mesi, e al suo posto viene richiamato Malesani[6].

Il 7 giugno 2013 è scelto come nuovo allenatore del Pescara, appena retrocesso in Serie B, andando a sostituire per la stagione 2013-2014 il tecnico Christian Bucchi: firma un contratto biennale con opzione per il terzo anno a 300.000 euro più bonus[7]. Fa il suo esordio l’11 agosto 2013 nel secondo turno di Coppa Italia battendo in casa il Pordenone per 1-0 e il 17 agosto, nel terzo turno, batte in trasferta il Torino per 2-1[8]. Viene esonerato il 22 febbraio 2014, dopo la sconfitta contro il Bari, venendo sostituito da Serse Cosmi.[9].

Nella stagione seguente, esattamente il 30 ottobre 2014, viene chiamato a sostituire Giovanni Lopez sulla panchina del Vicenza dopo l’undicesima giornata fino all’eliminazione in semifinale contro il Pescara che poi sarà promosso in Serie A.

11267057_10153396955639171_5599680398928612254_n DA OGGI E’ IL NUOVO ALLENATORE DEL CALCIO CATANIA ANCHE SE AVREBBE PREFERITO LASCIARE CON IL VICENZA IN SERIE A

Insieme a Pasquale Marino potrebbe, infatti, fare rientro in città anche il centrocampista Federico Moretti. Il giocatore ligure classe ’88, che ha un valore di mercato di circa 500mila euro e che tra l’altro quest’anno ha anche  realizzato 6 gol, è ancora di proprietà della società di via Magenta. Tra qualche giorno, dunque, rientrerà a Catania per fine prestito. E qui entrerebbero in gioco delle dinamiche che potrebbe farlo diventare il nuovo perno del centrocampo etneo. Per come è stato trattato in passato a Catania – avrebbe confidato agli amici fidati – l’attuale numero 5 biancorosso non vorrebbe tornare ai piedi dell’Etna, ma se Pasquale Marino glielo chiedesse, verosimilmente, Moretti potrebbe anche cambiare idea.

 

Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Vicenza Vicenza
Ritirato 1997 – giocatore
Carriera
Squadre di club1
1979-1984 Marsala Marsala  ? (?)
1984-1986 Akragas Akragas  ? (?)
1986-1989 Siracusa Siracusa  ? (?)
1989-1992 Battipagliese Battipagliese  ? (?)
1992-1993 Potenza Potenza 8 (0)
1993-1994 A.S. Messina A.S. Messina 18 (0)
1994-1997 Catania Catania 48 (5)
Carriera da allenatore
1997-1999 Milazzo Milazzo
1999-2000 Ragusa Ragusa
2000-2002 Paterno Paternò
2002-2004 Foggia Foggia
2004-2005 Arezzo Arezzo
2005-2007 Catania Catania
2007-2009 Udinese Udinese
2010 Udinese Udinese
2010-2011 Parma Parma
2011-2012 Genoa
2013-2014 Pescara Pescara
2014- Vicenza Vicenza

 

 LA SUA ULTIMA INTERVISTA SUL CALCIO CATANIA 

Precedente Il Calcio Catania rischia il radiamento se.. Successivo Tutto pronto a Sassari per Gara 4